Action Aid


Attività

Titolo progetto: Cyclone Sidr Recovery Programme

Area di intervento:
distretti di Khulna, Patuakhali, Pirojpur, Bagerhat e Barghuna.

Periodo:
15 dicembre 2007 - 15 novembre 2008.

Contributo di AGIRE:
110.000 euro (a cui si aggiungono ulteriori 100 mila euro raccolti direttamente da ActionAid Italia). ActionAid è presente in Bangladesh dal 1983 dove lavora con 150 operatori locali e con 89 organizzazioni partner in 35 distretti, intervenendo in 4 principali settori: sicurezza umana e prevenzione per la riduzione del rischio, diritti delle donne e equità tra i generi, diritti e giustizia sociale, sviluppo sociale e giustizia economica. Già nelle ore antecedenti al ciclone Sidr, ActionAid ha organizzato la registrazione della popolazione e l’evacuazione. Successivamente è partita la fase di valutazione (assessment di danni e vittime) e primo soccorso (acqua, cibo, coperte, vestiario, attrezzi da cucina). In seguito, si sono formulate le strategie del programma di intervento globale, comprensive delle attività sostenute dall’appello di AGIRE.

Comunità coinvolte

Gli interventi realizzati grazie ai fondi italiani fanno dunque parte del programma globale di ActionAid per l’emergenza Bangladesh, i cui destinatari sono circa 16.000 unità familiari (circa 80.000 persone) nei distretti sopra indicati. Il programma vuole innanzitutto garantire i bisogni basilari relativi alla prima emergenza (cibo e nutrizione, acqua e sanità, salute, alloggi temporanei e permanenti, ricostruzione alloggi e di strutture sanitarie e educative), fornire supporto psicologico e sanitario organizzato ai sopravissuti, restituire ai sopravissuti attività di sostentamento (pesca, agricoltura, artigianato) e sensibilizzare la popolazione sulla prevenzione dei disastri naturali.

Stima attendibile dei beneficiari diretti (per le attività finanziate da AGIRE):  1.375 persone, con particolare riferimento alle categorie più vulnerabili (donne, in particolar modo madri con bambini piccoli, vedove, persone anziane, persone disabili, orfani)

Il costo totale degli interventi è di circa 1.5 milioni di euro. Il programma viene sostenuto da più donatori istituzionali tra cui Commissione Europea, DEC, AustAid e AGIRE.

Azioni
  • realizzazione di 100 alloggi permanenti con servizi sanitari da assegnare alle unità familiari più vulnerabili ( almeno 500 persone avranno un alloggio sicuro entro 12 mesi dall’inizio del programma);
  • fornitura di cibo, acqua e generi di prima necessità per 135  unità familiari vulnerabili (gestite soprattutto da donne vedove, donne con i bambini piccoli, donne in stato di gravidanza, orfani ) durante I primi 2 mesi di soccorso.

Foto





Video