AGIRE onlus per l'Africa

Questo rinnovato scontro, che ha visto coinvolti sia l’esercito congolese che un gran numero di milizie locali si è solo recentemente concluso. Tuttavia, alla chiusura ufficiale delle ostilità non è corrisposto un calo nel livello di violenza, in particolare di quella diretta verso la popolazione civile. Alla violenza si aggiungono le conseguenze umanitarie di oltre dieci anni di conflitto sostanziate in una popolazione di sfollati superiore ai due milioni e un tasso di malnutrizione acuta superiore al 10%.

 ........................................................................................................

I progetti di  action aid

Lotta alla violenza contro le donne nei campi sfollati di Goma
 

IL PROBLEMA: nel paese lo stupro è una delle più terribili armi di guerra. Oltre 20 mila gli abusi sessuali denunciati nel 2008, il 30% sui bambini. Molti neonati nati da violenze vengono rifiutati e abbandonati.

IL PROGETTO: Nei campi profughi di Goma, ActionAid fornisce assistenza psico-sociale alle donne vittima di violenza e realizza attività di formazione e sensibilizzazione. ActionAid sostiene inoltre gli sfollati che decidono di tornare nei rispettivi villaggi, facilitando il ripristino delle loro attività nel settore agricolo.

LA VISIONE: lo stupro colpisce ed esclude dalla vita sociale le donne, che pure hanno un ruolo centrale nell’economia locale. Agevolare percorsi di reinserimento sociale e produttivo significa investire sul futuro della società congolese.

Scheda progetto | Budget | Rapporto Finale | Rendicontazione


........................................................................................................

I progetti di

Trasporto fluviale e commercio dei prodotti agricoli nella regione di Kamtsa


IL PROBLEMA: Nella provincia di Bandundu, l’agricoltura è la principale fonte di reddito. Le difficoltà di trasporto rendono però impossibile la commercializzazione dei prodotti e condannano alla povertà la popolazione locale. 

IL PROGETTO:  GVC sostiene le cooperative locali di produttori nell’organizzazione di una linea di trasporto fluviale che consenta di vendere i prodotti nella capitale del paese. Con i proventi verranno stimolate nuove iniziative di sviluppo economico e sociale nella provincia.

LA VISIONE: Svincolarsi dalla dipendenza dagli aiuti umanitari, in una zona fortemente colpita dalla guerra, è possibile anche consentendo agli agricoltori di commercializzare i propri prodotti e garantire la sicurezza alimentare della popolazione locale.

Scheda progetto  | Budget | Rapporto Finale | Rendicontazione


........................................................................................................

I progetti di save the children

Risposta all’emergenza salute e nutrizione nel distretto di Mweso


IL PROBLEMA: Il conflitto impedisce a circa 100 mila persone, tra sfollati e comunità ospite, di accedere alle cure mediche e soddisfare i bisogni alimentari di base. In costante aumento la malnutrizione al di sotto dei 5 anni.

IL PROGETTO: Ricostruendo 3 centri di salute, Save the Children porterà cure mediche a bambini malnutriti e donne in età riproduttiva, completando campagne di vaccinazione e distribuzione di farmaci essenziali, formando il personale sanitario locale.

LA VISIONE: Donne e bambini sono la possibilità di futuro di ogni società. Soprattutto nelle situazioni di emergenza, è indispensabile dare priorità a loro. 

Scheda progetto e Budget | Rapporto Finale e Rendicontazione

........................................................................................................