Somalia


[ cesvi ] [ cisp ] [ coopi ] [ intersos ]
........................................................................................................

interventi di cesvi in somalia

progetto budget photogallery

QUANDO:

1 agosto – 30 aprile 2012

DOVE:

Mogadiscio: distretti di Hamar Weyne, KLaraan, Hawl Wadaaq e Wardhiigley (Bakara Market)

COSA:

Assicurare servizi sanitari di base alle comunità ospitanti e alle popolazioni sfollate a Mogadiscio

COME:

Data la particolare situazione politica in cui versa la Somalia, l’ONG lavora in questa zona attraverso quello che viene definito “Remote Control”.
Il personale internazionale non è infatti autorizzato ad entrare nel paese a causa dell’assoluto controllo da parte degli Shabab.
Il quartier generale di CESVI si trova quindi a Nairobi In Kenya. Da qui viene formato il personale umanitario locale, acquistato e stoccato il materiale medico sanitario distribuito in Somalia. L’implementazione del progetto in Somalia è pertanto affidata esclusivamente a professionisti somali.

I fondi raccolti attraverso l’appello di AGIRE sono impiegati per:

- Riabilitare un centro sanitario che garantisca copertura medica nell’area di Bakara Market, tra le più colpite dalla crisi
- Realizzare corsi di formazione medico – sanitaria per 11 persone
- Attivare un servizio di 2 cliniche mobili per raggiungere il più ampio numero di persone, anche nelle aree più remote
- Fornire medicinali e materiale sanitario al centro di Baraka Market e alle 2 cliniche mobili

BENEFICIARI:

10.500 persone

FONDI DI AGIRE:

171.160 euro
 

DOCUMENTI CORRELATI:


Revisione di Progetto e Budget (Novembre 2011)
Rapporto Intermedio
Rapporto Finale
Audit Finanziario

........................................................................................................

interventi di cisp in somalia

progetti budget photogallery

QUANDO:

13 luglio - 28 febbario 2012

DOVE:

Regione di Benadir e area urbana di Mogadiscio. Distretto di Hodan | Cliniche materno infantile di Wabari, Hamarajab, Bonhere, Benadir, Hamarweyn | Ospedale di Benadir

COSA:

Supporto di emergenza alle comunità sfollate in Mogadiscio attraverso la distribuzione di acqua, cibo e medicinali.

COME:

Il CISP intende contribuire all’abbassamento dell’alta percentuale di mortalità infantile dovuta a mancanza di cibo, acqua potabile e medicinali all’interno dei nuovi campi sfollati.

I fondi raccolti attraverso l’appello di AGIRE consentono di:

- Distribuire di 7.5 l di acqua al giorno per individuo per 4 mesi. Si tratta si un quantitativo giornaliero inferiore agli standard internazionali ma così fissato in questa zona dal coordinamento delle Nazioni Unite (cluster) per le attività di Acqua e Igiene pubblica data l’urgenza di raggiungere il più ampio numero di persone in una situazione di gravissima siccità.

- Distribuire generi alimentari che garantiscano 2100 kilocalorie a persona per lo stesso periodo. Contrariamente a quanto avviene in altri periodi in questa zona, le distribuzioni non verranno fatte attraverso il meccanismo di voucher (ticket con cui si acquistano in punti vendita definiti le razioni di cibo), ma si è provveduto alla creazione di punti di distribuzione nelle prossimità dei campi profughi identificati, nei distretti di Bondhere e Hodan, così da non costringere gli sfollati appena arrivati a percorrere ulteriori distanze.

- Distribuire medicinali e materiale sanitario nelle cliniche materno-infantile selezionate e nell’ospedale di Benadir.

BENEFICIARI:

110.000 persone

FONDI DI AGIRE:

149.800 euro


DOCUMENTI CORRELATI:


Revisione di Progetto e Budget (Novembre 2011)
Rapporto Intermedio
Rapporto Finale | Integrazione al Rapporto Finale
Budget Finale
Audit Finanziario 

 

........................................................................................................

interventi di coopi in somalia

progetto budget photogallery

QUANDO:

20 luglio 2011 – 30 gennaio 2012

DOVE:

Regioni di Gedo, Bay, Middle Juba, Mudug e Galgadud

COSA:

Distribuzioni alimentari e interventi igienico-sanitari

COME:

L’organizzazione intende assicurare assistenza immediata attraverso distribuzioni alimentari che assicurino il minimo standard di sussistenza identificato in questa zona, ovvero 2100 kilocalorie al giorno per persona. Il cibo viene distribuito una volta al mese in pacchetti da 30 o 50 euro, a seconda dei prezzi di mercato al momento della consegna.
Per facilitare la ripresa di una micro economia locale e minimizzare i rischi di dipendenza dagli aiuti, si realizzano attività di Cash for Work (denaro in cambio di lavoro), distribuzioni di sementi e utensili agricoli, attivazione e promozione di piccole imprese.
Fondamentale la distribuzione di acqua potabile (7.5l di acqua al giorno per persona) a cui si affiancano campagne di sensibilizzazione su igiene personale e pubblica, distribuzioni di kit igienico-sanitari e pasticche per la potabilizzazione dell’acqua.

BENEFICIARI:

17.568 persone [2.928 capi famiglia]

FONDI DI AGIRE:

192.780 euro


DOCUMENTI CORRELATI:


Revisione di Progetto e Budget (Novembre 2011)
Rapporto Intermedio
Rapporto Finale
Audit Finanziario

........................................................................................................

interventi di intersos in somalia

progetto budget photogallery

QUANDO:

1 agosto – 28 febbario 2012

DOVE:

Regioni di Bay e Shabelle | Distretti di Baidoa, Burhakaba, Dinsor | Corridoio umanitario di Afgooye

COSA:

Attività di risposta all’emergenza nelle zone colpite dalla carestia nella Somalia centrale e meridionale con particolare attenzione ai nuovi sfollati.

COME:

InterSos mira ad arginare la diffusione di malattie veicolate da acque sporche e a migliorare l’accesso all’acqua nelle aree occupate dai nuovi sfollati a Baidoa e Burhakaba attraverso:

- Distribuzione quotidiana di 15l di acqua depurata per persona
- Posizionamento dei punti di distribuzione dell’acqua non oltre i 500m dai centri abitati
- Creazione di condizioni che consentano di ridurre il tempo di di attesa per il rifornimento dell’acqua ad un massimo di 30 minuti
- Costruzione di 60 latrine temporanee
- Distribuzione di 1.900 kit igienico sanitari comprendenti saponi antibatterici, bacinelle per l’acqua, taglia unghie, assorbenti igienici per donne


Per migliorare l’accesso a medicinali e cure mediche agli sfollati che si trovano all’interno del corridoio umanitario di Afgooye Intersos intende:

- Creare 2 squadre medico sanitarie mobili per diagnostica, assistenza medica e distribuzione di medicinali che si aggiungono alle cliniche mobili già attivate da Intersos nella stessa area, dove l’organizzazione è presente dal 1992.
- Distribuire utensili da cucina e beni di prima necessità

BENEFICIARI:

63.354 persone [16.700 capi famiglia]

FONDI DI AGIRE:

214.100 euro
 

DOCUMENTI CORRELATI:


Revisione di Progetto e Budget (Novembre 2011)
Rapporto Intermedio
Rapporto Finale
Audit Finanziario

        interventi in etiopia


 
       interventi in kenya
 

  voci dal campo


Loading form