Modello

Allo scoppio di una crisi umanitaria internazionale AGIRE lancia un appello di raccolta fondi a nome delle organizzazioni associate.

Una rete di partner strategici di alto profilo – canali radio-televisivi, quotidiani nazionale, gruppi bancari e compagnie telefoniche – contribuisce a informare e sensibilizzare l’opinione pubblica e a moltiplicare i canali per la raccolta fondi. Nell’arco di poche ore le ONG associate già presenti nell’area di crisi o con maggiore capacità d’intervento sono in grado di prestare i primi soccorsi alle popolazioni colpite dall’emergenza.

Nei mesi successivi al lancio dell’appello e fino alla completa realizzazione dei programmi di assistenza umanitaria, AGIRE mantiene donatori e pubblico costantemente informati sulla destinazione dei fondi e sui risultati ottenuti dalle organizzazioni.

La trasparenza nei confronti dei beneficiari dei programmi di aiuto umanitario, dei donatori e dell'intera opinione pubblica costituisce un prerequisito essenziale dell'azione di AGIRE e delle organizzazioni aderenti, in Italia come nelle regioni colpite dall'emergenza.

Il modello AGIRE garantisce efficacia degli interventi e offre estrema semplicità ai donatori: un unico messaggio per la raccolta fondi viene veicolato da media, aziende e privati cittadini affinchè ciascuno possa donare quando vuole, quanto può e come preferisce.

AGIRE riproduce in Italia il modello Emergency Appeals Alliance (EAA), un'alleanza internazionale di comitati emergenza che da anni operano con successo in particolare in Belgio, Germania, Olanda, Regno Unito, Svizzera, Canada e Svezia

I comitati internazionali di risposta all'emergenza in Olanda, Belgio, Regno Unito, Germania, Svizzera, Italia

 

 

 

 

 

CRITERI PER IL 
LANCIO APPELLO

..............................................

Per valutare se il lancio di un appello costituisca la migliore risposta all’emergenza umanitaria in corso, AGIRE fa ricorso a tre criteri fondamentali:


dimensioni e gravità dell’emergenza in corso


capacità di risposta delle ONG associate


percezione pubblica dell’emergenza

 

 

 


Loading form